Addio al ciuccio di Suzanne!

Addio al ciuccio di Suzanne!
L’addio al ciuccio di Suzanne!

Mi contatta Supermamma Angy e mi mostra delle foto meravigliose della sua piccola Suzanne che lascia andare il ciuccio per sempre. Mi sono piaciute talmente tanto che le ho chiesto di scrivermi un articolo da condividere con voi, anche per trovare uno spunto a chi si chiedesse come fare a far abbandonare il ciuccio al proprio bambino.

Suzanne con il ciuccio

Suzanne con il ciuccio

“Suzanne è la mia terza bambina ed ha da poco compiuto i tre anni ed ha appena conclusa un’altra tappa importante ed emozionante: “l’addio al ciuccio”

Suzanne era molto dipendente dal ciuccio e mi serviva qualcosa o qualcuno che facesse vivere nel modo più naturale e bello questo delicato passaggio! E chi meglio della “Fatina dei ciucci” poteva venire in mio soccorso? Così ieri sera insieme ai fratellini (che avevano vissuto la stessa esperienza l’anno scorso) ha preparato un sacchettino con qualche ” disegnino” e dentro abbiamo messo 2 soldini di cioccolata e il suo adorato ciuccio dopo avergli dato un grandissimo bacio!

Bacino al ciuccio

Bacino al ciuccio

Poi siamo andati in camera da letto e sulla finestra abbiamo lasciato un po’ di succo, il sacchetto con il ciuccio, la busta dove la fatina mettera’ il regalino e infine c’era anche la lettera che abbiamo scritto alla fatina.
Alla fine ci siamo messi a letto tutti emozionati: Suzanne, Hedi’, Raouf e la mamma( direi soprattutto la mamma che ha fatto scendere anche l’immancabile lacrimuccia).
Io pensavo ecco qua ora si agita, piange, si dispera, o nn riesce a rilassarsi e invece…
La mia principessa è stata stupenda come al solito, perché i bambini sono fantastici sanno sorprenderci: mi teneva stretta la mano, io sdraiata vicino a lei e alla quarta volta che intonavo la “Ninna nanna del chicco di caffe'” si è addormentata! La guardavo tenera e le ho sussurrato :”buonanotte mia principessa sei diventata grande!”

Lasciamo il succo e il ciuccio per la fatina

Lasciamo il succo e il ciuccio per la fatina

E stamattina:
“Buongiorno la fatina è arrivata!” Ha bevuto il succo, mangiato i soldini di cioccolata e scritto la letterina!

Leggere la letterina

Leggere la letterina

La mia principessa la “leggeva” tutta emozionata! Poi siamo passati al regalo( il pezzo forte!) : un cucciolotto tutto da curare! La fatina ha pensato anche ai gemellini : nel sacchettino ha lasciato delle buonissime merendine!

Scartiamo i regali

Scartiamo i regali

Ecco la letterina della fatina:

addio al ciuccio

Lettera della fatina del ciuccio

Questo piccola storia , questo piccolo pezzo di vita che ci fa emozionare, ci fa comprendere quanto è importante sostenere ed incoraggiare ogni tappa dei nostri bambini! È importante farli sentire che siamo presenti, infondere fiducia, sostenere le loro potenzialità. Il ciuccio è un oggetto transizionale importante per il bambino: lo rassicura, lo coccola, lo calma. Deporre il ciuccio significa che sto diventando “grande” e se ciò avviene senza pressioni, ansia ma con qualche pizzico di magia e fantasia tutto sarà più semplice e naturale!
Buon lavoro colleghe mamme e lasciamoci meravigliare, stupire, emozionare dai nostri bambini.

Impariamo da loro ma soprattutto diamo a loro la possibilità di farlo!”

Addio al ciuccio di Supermamma Angy

Non essere egoista, condividi!Share on Facebook0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on Google+0Email this to someonePrint this pageShare on Tumblr0Share on LinkedIn0
The following two tabs change content below.
Gloriana Lori
Supermamma di 4 meravigliosi bambini, blogger nel "tempo libero". W le famiglie numerose! :)
Gloriana Lori

Ultimi post di Gloriana Lori (vedi tutti)

Commenta

commenti

This article has 1 comment

  1. […] A scuola, durante il sonnellino pomeridiano, la mia bambina suzanne usava il ciuccio per addormentarsi quindi bisognava far arrivare anche li’ la fatina per chiudere completamente il capitolo, ma come? (QUI c’è la storia di Suzanne e l’addio al ciuccio a casa) […]

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: