Autosvezzamento, crescere a tavola con mamma e papà VIDEO

Autosvezzamento, crescere a tavola con mamma e papà VIDEO
Premessa: questo articolo sull’autosvezzamento è finalizzato solo a divulgare la mia esperienza con questo metodo, non vuole sostituirsi in nessun modo al consiglio dei medici pediatri.

4 figli, 4 esperienze diverse con lo svezzamento: con i primi due ho seguito alla lettera quello che mi disse il pediatra ovvero, 4/5 mesi frutta, e poi inserire piano piano nell’alimentazione altri cibi omogeneizzati o liofilizzati, prima le patate, le carote e le zucchine con l’omogeneizzato di carne, piano piano il pesce, i legumi, l’uovo e via dicendo…

Con l’arrivo di Valerio (terzo figlio) ho aperto la mia pagina Supermamma, il piccoletto aveva 4 mesi, misi un post in cui chiedevo le esperienze delle mamme per lo svezzamento, volevo ricevere più  che altro consigli di ricette e invece mi trovo a discutere con una mamma circa l’autosvezzamento!

Quando lessi per la prima volta questa parolona mi sembrò una cosa difficilissima, e infatti lo fu!

Impensabile di dare a mio figlio pigrone (ha iniziato a camminare a 20 mesi, Pigrone con la P maiuscola) bocconi di cibo non frullato. A dire il vero verso i 6 mesi ci ho provato per poco non si soffoca e lasciai perdere. Comprai il cuocipappa della chicco e spesso cucinavo carne e verdura al vapore per poi omogeneizzare il tutto.
Devo dire che mi sono trovata bene, è cresciuto cicciolone e paffuto a suon di omogeneizzati, a volte li facevo io e a volte li compravo quando trovavo le offerte .

autosvezzamento

Ecco come si riduceva Valerio a un anno e mezzo

Quando Valerio compì 14 mesi ecco che nasce la sorellina (quarta figlia) e lì iniziai a rimbambirmi del tutto.

Ho imboccato Valerio fino a dopo l’anno (nella foto in alto era alle prese con le prime pappe da solo), quando Lisa compì i suoi 5 mesi iniziai a svezzarla con la frutta. La prima volta gli frullai una mela, se ne mangiò 2 cucchiaini e il resto me lo mangiai io.
La seconda volta idem, era più quella che cadeva sul bavaglino che quella che riuscivo a infilarle in bocca.
Avevo sempre in testa quella parolona “autosvezzamento”, con due bambini piccoli uno che si impastricciava e una che sputava mi sono accorta che ogni pasto era diventato impossibile ho deciso di informarmi e di riprovare questo autosvezzamento con Lisa.

All’età di 6 mesi la misi a tavola con noi, ho usato il seggiolone dell’Ikea, ancora me lo ricordo quel giorno, cucinai normalmente e preparai il pollo per tutti. Presi un pezzo di pollo e lo diedi a Lisa, lei lo stringeva tra le mani non sapendo cosa farne, cercai di farle capire che doveva infilarselo in bocca, ma non è che ci riuscii tanto, allora presi un pezzettino di pollo e glielo infilai in bocca. Fino a quel momento aveva sempre mangiato roba liquida o omogeneizzata, lo tenne in bocca penso un quarto d’ora, ci giocava, ad un certo punto lo mandò giù, si guardò la mano dove aveva il pezzo di pollo più grande e iniziò a ciucciarlo.

Ero mezza terrorizzata a dire il vero, pensavo “mò si strozza e mi prende un colpo”, e infatti staccò un pezzo di pollo e fece il verso del conato, poi se lo tolse dalla bocca (io ero già pronta a metterla a testa in giù e farla la manovra di disostruzione), io glielo spezzettai e se lo rimise in bocca e ci giocò per un altro quarto d’ora…

Così iniziò la nostra avventura con l’autosvezzamento, con due/tre pezzetti di pollo. All’epoca aveva 2 dentini.

Ogni giorno la mettevo a tavola con noi e le facevo mangiare ogni cosa, le carotine a pezzetti, le patate lesse, la pasta in bianco, al sugo, al ragu, le fettine di arista tagliate piiiiccole piiiiccole (ho iniziato a tagliare tutto con le forbici, ci mettevo la metà del tempo), lei metteva in bocca di tutto. Le prime volte teneva il cibo in bocca un’infinità di tempo, ma la lasciavo fare, piano piano si finiva tutto. Le prime volte a tavola sembra di avere una scimmia che sparecchia, getta le cose in terra, si tira la tovaglia, ma con un pò di pazienza vedrete che è solo l’inizio, poi inizia a mangiare “per bene” 🙂

autosvezzamento

Lisa 9 mesi alle prese con il pollo

Quando ha iniziato a coordinare bene i movimenti ha iniziato a mangiare completamente da sola, qui sotto potete vedere un suo video, aveva 11 mesi. Ovviamente è una bambina normale, non è un fenomeno, quindi è maldestra e metà della pasta va in terra, ma gestisce bene i bocconi (ha anche un sacco di denti, per questo i rigatoni sono divisi solo a metà) e va a cercare da sola il cibo senza nessuno che insiste o che le dice cosa deve fare, in piena autonomia, la forchetta non la usava, ma vedendo noi sapeva a cosa serviva. 🙂

Ora Lisa ha 16 mesi e mangia tutto quello che mangiamo noi, da sola! 🙂

Mi sono trovata bene a fare l’autosvezzamento con Lisa perchè la bambina è stata resa più autonoma, ha imparato a riconoscere molti sapori da subito, e nel mio caso mangia di tutto e di più senza troppi problemi! 🙂

 

 

Non essere egoista, condividi!Share on Facebook0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on Google+0Email this to someonePrint this pageShare on Tumblr0Share on LinkedIn0
The following two tabs change content below.
Gloriana Lori
Supermamma di 4 meravigliosi bambini, blogger nel "tempo libero". W le famiglie numerose! :)
Gloriana Lori

Ultimi post di Gloriana Lori (vedi tutti)

Commenta

commenti

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: