La lontananza, quando i papà sono in missione!

La lontananza, quando i papà sono in missione!

La lontananza

Non faccio in tempo ad aprire gli occhi la mattina e un “mammaaaaaa” mi fa sobbalzare, poi suona la sveglia.
Mi alzo e preparo i bambini, quattro bambini, colazione, zainetti, grembiuli, divise, hai mangiato? hai bevuto il latte? ti sei lavato i denti? le hai trovate le scarpe? Indaffarata dalle 7 della mattina, corri che è tardi, l’ultimo chiude la porta, l’ultimo chiude il portone, salite in macchina che io sistemo i piccoli, mi siedo sul sedile, infilo la chiave, rombo di motore e mi sveglio.
20 minuti di macchina per arrivare a scuola, i bambini che cantano e mi tengono sveglia, non litigate, non riesco a raccogliere il giocattolo sto guidando, mamma guarda lì hai visto?, no sto guidando, mamma mi ha dato uno schiaffo, non dare lo schiaffo a tua sorella, mamma mi ha fatto la linguaccia, non fare la linguaccia a tuo fratello, mamma mamma mamma, eh cosa c’è?, mamma mamma mamma… e perchè? perchè?
Arriviamo a scuola. Dai che è tardi scendete, forza scendete, scendono, chiudono la portiera, e lo zainetto? riaprono la portiera e prendono lo zainetto, dai su in classe che è tardi, non ci voglio andare a scuola, neanche io vi ci volevo portare, filate in classe, mamma mi accompagni? E si ti accompagno, ma solo per oggi, mamma mi aspetti 5 minuti qui fuori? Si sto qua fuori 5 minuti, tu entra, dammi un bacio, smack. Mi fermo sul pianerottolo a scambiare due chiacchere di 3 minuti netti, scusate devo scappare ho i piccoli che devono finire la colazione e uno ha fatto la cacca.
20 minuti di macchina per tornare a casa, arrivo a casa, smonto i bambini dai seggiolini, uno si è riaddormentato, ehy tu, svegliati, devi camminare che io ho già in braccio tua sorella, NNNNOOO, si invece, dai su forza, scendi. Una rampa di scale infinita, neanche stesse scalando l’Everest, entra finalmente in ascensore, signoraaaa l’ascensoreee, siiii ce l’abbiamo fattaaaa ora glielo lascio, da su esci sbrigati che serve l’ascensore, chiudo la porta io per sbrigarmi, ennò, la voleva chiudere lui, pianto, dai ti faccio chiudere la porta di casa, piano, fai piano, piaaannnnooo, BOOOOM, ecco, hai chiuso la porta, non se n’è accorto nessuno.
Colazione, latte, biscotti, cereali, che vuoi?, i crackers, i crackers? ma non li abbiamo i crackers, voglio i crackers, ma non li ho! Mangia una mela, NNNNOOOO, si che ti mangi la mela, grazie mamma, e tu invece la vuoi la mela? NNNNNNOOOOO, ecco tieni la mela anche a te.
Mamma va in bagno a fare pipì, che sono 3 ore che se la sta per fare sotto, entro in bagno, maaaaaaammmaaaaa, eeeeeeeeeh?, vieniiiiii, nooooooo faccio pipì, mammmmmaaaaaaaa, oooo e aspetta un attimo, voglio scennere, ora ti faccio scendere, aspetta fammi finire di fare pipì. Ecco, scendete giocate che mamma deve dare una riordinata, lavatrice, svuotare la lavastoviglie, e un sacco di altre cose.
Pranzo, mangiamo, no non lo voglio, si che lo vuoi, no non lo voglio, si che lo vuoi, non lo voglio, allora lo mangio io, lo voglio.
Andiamo a riprendere i grandi a scuola su, ascensore, rampa di scale (3 ore), macchina, di nuovo 20 minuti, carico i grandi e si ritorna, zitti, non litigate, non vi picchiate, fatela finita, vi metto in punizione, ho fame, ho sete, devo fare pipì, oggi a scuola sono stata brava, anche io sono stato bravo, blablabla, ariviamo a casa, rampa infinita, ascensore, porta di casa, merenda, giochi.
Cena, mangiano, dai su a lavarvi i denti, lavatevi, mettetevi i pigiami, vi siete lavati i denti? SI, andatevi a lavare i denti, avete fatto pipì? Si, avete bevuto? Si, bene, i piccoletti li ho lavati e cambiati, tutti a letto, canzoncina, buona notte notte puff dormi bene bambino la tua mamma è di là blablabla, buona notte, mamma devo fare pipì, io ho sete, sbrigatevi, da domani chi non fa pipì prima e non beve si attacca, si mamma ce lo dici sempre, ecco dai su buona notte, buona notte ti voglio tanto bene. ♥
Chiudo la porta, sssssshhhhh.

Ed è proprio adesso, nel più profondo silenzio che mi manchi incredibilmente.

Ti aspettiamo papino, sbrigati a tornare ♥

la lontananza – Supermamma

Non essere egoista, condividi!Share on Facebook0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on Google+0Email this to someonePrint this pageShare on Tumblr0Share on LinkedIn0
The following two tabs change content below.
Gloriana Lori
Supermamma di 4 meravigliosi bambini, blogger nel "tempo libero". W le famiglie numerose! :)
Gloriana Lori

Ultimi post di Gloriana Lori (vedi tutti)

Commenta

commenti

This article has 4 comments

  1. Oh e’ tutto coxsi vero. Per un attimo pensavo stessi scrivendo della mia vita. sei brava.. I miei bambini mi fanno “impazzire” tutto il girno ma come fare senza..ne ho 3 adesso..ma ne voglio 5..arricchiscono la vita tanto!

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: